Dénia.com
Cerca

I socialisti della Marina Alta criticano il ritardo nel pagamento della Diputación che blocca gli aiuti del Piano Paréntesis

Febbraio 25 da 2021 - 11: 19

Il portavoce socialista nel Consiglio provinciale di Alicante, Toni Francés, ha celebrato che il "Efficienza e agilità" del Consell de Ximo Puig consentirà un'iniezione nella regione di Marina Alta di 8,7 milioni di euro solo nel Piano Paréntesis, rivolto alle PMI e ai lavoratori autonomi dei settori più colpiti dalla crisi sanitaria. A questo si aggiungeranno tutti gli aiuti previsti dal Plan Resistir en la Comunitat Valenciana dotato di 400 milioni di euro.

Tuttavia, Francés è stato molto critico nei confronti del Consiglio provinciale di Alicante, i cui ritardi nel pagamento della parte dell'istituzione provinciale -1,9 milioni di euro che arriverà alla fine di marzo, costringeranno molti consigli comunali a iniziare a distribuire l'aiuto di il Piano Parentesi senza avere quella parte. "I lavoratori autonomi e le aziende devono entrare presto, è una necessità, quindi i comuni cominceranno a inserire le cifre nel tessuto economico dei nostri comuni con più problemi senza aspettare il Consiglio provinciale. È evidente che stiamo affrontando un nuovo esempio di cattiva gestione da parte di Carlos Mazón e del suo team di governo nell'istituzione provinciale ", si è manifestato.

Così si è espresso oggi il portavoce socialista del Consiglio provinciale di Alicante in un atto telematico convocato nell'ambito della campagna “Giusta e risposta sociale”, a cui ha partecipato anche il direttore generale delle Risorse umane del Ministero della Salute, Carmen López Delgado, il direttore generale della fecondazione in vitro, Manuel Illueca, e il vice a Les Corts e segretario generale del PSPV-PSOE della provincia di Alicante, José Chulvi, che ha spiegato ai leader regionali, sindaci e portavoce di partito l'agenda politica ed economica che i socialisti stanno promuovendo dalla Generalitat Valenciana.

Durante l'incontro, i relatori hanno spiegato le misure sanitarie adottate, che stanno avendo buoni risultati perché il numero dei contagi è notevolmente diminuito, e hanno citato le parole del presidente Ximo Puig avvertendo che "Le restrizioni dureranno solo il tempo necessario, non un giorno in più". Particolare enfasi è stata posta anche sulla spiegazione di tutte le linee di aiuto previste dal Piano Resistir, il più ambizioso in Spagna, con 400 milioni di euro di aiuti diretti e finanziamenti per imprese, lavoratori autonomi e lavoratori dei settori più colpiti dalla sanità restrizioni. Tra l'altro, il Consell de Ximo Puig ha già approvato nell'ambito del Piano aiuti per hotel, ristoranti e mense per un valore di 100 milioni di euro, aiuti per la promozione dell'occupazione per 80 milioni, aiuti alle persone in ERTE per 17 milioni, aiuti a i lavoratori autonomi per 8 milioni, altri aiuti specifici per i settori più colpiti per 15 milioni e aiuti al settore taxi per 4500 licenze.

Allo stesso modo, il Piano Resistir prevede le Sovvenzioni Parenthesis, che consistono nella creazione di un fondo a cui contribuisce la Generalitat per il 62,5%, i consigli il 22,5% e i comuni il 15%. Un totale di 160 milioni che saranno gestiti dai consigli della Comunità Valenciana per dare un aiuto diretto fino a 2.000 euro per lavoratore autonomo e altri 200 euro per lavoratore. Nel caso della Marina Alta, gli interessati riceveranno un totale di 8,7 milioni di euro, di cui 1,3 proverranno dalle casse comunali, 5,4 milioni di euro sono già stati messi a disposizione dalla Generalitat, mentre i comuni dovranno anticipare i maggiori di 1,9 milioni di euro a cui Mazón si è impegnato e non ci sono ancora.

Lascia un commento

    36.867
    4.283
    11.245
    2.150