Il ministro della giustizia annuncia un investimento di 340.000 euro per la sede giudiziaria di Denia

Il Ministro della Giustizia, Interno e Pubblica Amministrazione, Gabriela Bravo, ha annunciato che il suo dipartimento chiederà ancora una volta al Ministero della Giustizia la creazione di un tribunale di primo grado per Denia. Questo organo giudiziario sarà il numero 6 della parte giudiziaria della capitale della Marina Alta.

Gabriela Bravo ha visitato martedì le strutture della sede giudiziaria accompagnata dal decano dei tribunali di Denia, María Luisa Fayos, che ha informato che durante il primo trimestre di 2020 inizieranno i lavori per il completo rinnovamento dei sistemi di condizionamento dell'aria e illuminazione del Palazzo di Giustizia di Plaza Jaume I della città. Questi progetti comporteranno un investimento di 340.000 euro, di cui 250.000 sarà utilizzato per il condizionamento dell'aria e l'altro 90.000, per la sostituzione di tutti gli impianti di illuminazione.

Come spiegato dal ministro Bravo, la creazione del numero di tribunale di primo grado 6 di Denia "È un'esigenza che non può essere rinviata più a lungo e, pertanto, la rivendicheremo nuovamente dal Ministero della Giustizia, poiché il carico di lavoro di questa sede giudiziaria, specialmente nella giurisdizione civile, giustifica pienamente questa richiesta".

Per Bravo, «Allo stesso modo, dal Ministero della Giustizia, abbiamo già rivendicato due volte la creazione di questa corte, lo faremo un terzo e tutto ciò che è necessario fino a quando non diventerà una realtà».

In questo senso, Bravo ha ricordato che la creazione di questo organo giudiziario è stata approvata in 2011, ma la sua costituzione non ha avuto effetto perché la Generalitat - allora la responsabilità del Partito Popolare - ha rassegnato le dimissioni per lanciarlo.

Inoltre, Bravo ha assicurato che questa richiesta per un nuovo tribunale «È condiviso con l'Alta Corte di giustizia» perché "delle persone quasi 170.000 che devono essere servite da questa corte, la percentuale 40 è straniera, con la complessità che ciò comporta e specialmente nella giurisdizione civile".

Il ministro della giustizia ha anche indicato che l'edificio di Plaza de Jaume I «È pronto a ospitare un altro tribunale, che sarebbe pienamente operativo in brevissimo tempo, come abbiamo dimostrato quest'anno». A questo proposito, Bravo ha spiegato che il Dipartimento di Giustizia ha avuto bisogno solo tra cinque e otto mesi per avviare gli ultimi nove organi giudiziari approvati dal Ministero della Giustizia lo scorso aprile.

Pertanto, il prossimo 30 di settembre entrerà in servizio l'esclusivo tribunale decano di Alicante e il tribunale penale numero 19 di Valencia, nonché la piazza del magistrato per il tribunale provinciale di Alicante con sede a Elche. L'ottobre 30 sarà il turno del Tribunale di primo grado e dell'istruzione numero 6 di Sagunto e quello del criminale 4 di Elche. D'altra parte, lo 30 di novembre sarà operativo presso il tribunale di primo grado numero 6 di Gandía e, infine, lo 30 di dicembre sarà la volta del numero di tribunale di primo grado 29 di Valencia, il numero di primo grado 14 di Alicante e quello del numero di prima istanza 5 di Torrevieja.

Per quanto riguarda le strutture della sede giudiziaria di Denia, Bravo ha sottolineato che, nell'ultimo anno, «Sono state realizzate le azioni più urgenti, come la riparazione di alcune carenze nei bagni e in altre unità e l'adeguatezza dell'accesso sotterraneo. Anche le telecamere e i sistemi di sicurezza e sorveglianza contro furto, incendio e intrusione sono stati completamente rinnovati, così come il collegamento di tutti questi dispositivi con il Centro di controllo di Valencia ». Queste azioni hanno comportato un investimento di 37.597 euro.

Tuttavia, come spiegato dal ministro della giustizia, «Il prossimo anno i principali progetti per il miglioramento di questa sede giudiziaria saranno intrapresi non solo con il rinnovo dei sistemi di condizionamento e illuminazione, ma saranno anche utilizzati per la riparazione integrale di patologie di costruzione minori, quali crepe, crepe e umidità che l'edificio ha, oltre all'autorizzazione degli uffici del Gabinetto psicosociale ».

«In breve, l'anno prossimo intraprenderemo tutta una serie di progetti in modo che i cittadini del partito giudiziario di Denia dispongano dei tribunali che meritano, con l'impianto di cui hanno bisogno e i servizi di cui hanno bisogno, poiché se durante precedente legislatura eseguiamo l'urgente, ora realizzeremo l'irreversibile », ha concluso Gabriela Bravo.

articoli correlati

Commenti su "Il ministro della giustizia annuncia un investimento di 340.000 euro per la sede giudiziaria di Denia"

(Obbligatorio)

33.565
3.907
6.806
1.620
Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.