Dénia.com
Cerca

Denia parlerà di memoria democratica

Novembre 07 da 2023 - 14: 41

L'Assessore alla Cultura del Comune di Denia, Raúl García de la Reina, ha presentato oggi, 7 novembre, l'intera programmazione di 'Memoria Democratica, Giornate della Memoria Storica, 2023', articolata dalla Biblioteca e Archivio Comunali.

Il Consiglio Comunale ha organizzato una nuova edizione di Memoria e futuro, una conferenza dedicata alla memoria democratica, che si svolgerà dal 10 al 22 novembre 2023. Le attività preparate dalla Biblioteca e dall'Archivio comprendono conferenze e presentazioni e versioni didattiche con la collaborazione dell'IES Sorts del Mar de Denia e l'IES di Teulada.

L'apertura degli eventi sarà venerdì 10 novembre, alle 19, in Biblioteca, con il convegno Chiudere la memoria nel record. 38 anni tra xifres, dades e fosses tenuto da Vicente Gabarda. Vicent Gabarda ha un dottorato in Storia presso l'Università di Valencia. Come ha sottolineato Raúl García de la Reina, Gabarda è un’autorità pioniera nello studio della repressione, “poiché dalla nativa Paterna, conosciuta da tutti come il muro di Spagna, Gabarda ci racconterà la sua esperienza personale, all’inizio dell’indagine di un argomento così complesso e terribile. “Conosceremo, con dati verificati, il vero costo umano della guerra e della repressione del dopoguerra nelle terre valenciane”, ha dichiarato García de la Reina.

Mercoledì 15 novembre alle ore 19:30 in Biblioteca verrà presentata la graphic novel Piombo e Gualda. Sepoltura messicana di Azaña in Francia, di Josep Lluís Mas, José María Azcárraga e Manuel Granell. Come ha raccontato Raúl de la Reina, più di mezzo milione di persone formarono l’esodo repubblicano nel 1939, quando finì la guerra civile spagnola. Queste persone, che si muovevano a piedi in Francia, lungo quelle che venivano chiamate “strade della ritirata”, furono internate in campi di concentramento. Il Messico ha aperto le braccia a tutti i rifugiati che l’Europa si è rifiutata di accogliere. Migliaia di persone hanno visto l’opportunità di vivere in pace.

Giovedì 16 novembre alle Casa de la Cultura Dalle ore 19:30 avrà luogo la giornata educativa incentrata sulla deportazione nei campi nazisti di Mauthausen e Gusen. La giornata sarà divisa in tre parti, la prima sarà l'inaugurazione di una mostra Arte e memoria democratica, realizzato dagli studenti dell'IES di Teulada, dal 16 al 28 novembre. Successivamente, gli studenti dell'IES Sorts de la Mar de Dénia ci parleranno di Ricordi ed esperienze dal viaggio a Mauthausen 2023.

Per concludere, Josep Antoni Ahuir, archeologo e parente di un deportato dianense, racconterà come “Valorizzare la memoria democratica nel Marina Alta. “I deportati nei campi nazisti di Mauthausen e Gusen”.

Mercoledì 22 novembre alle ore 20:00 presso l'auditorium del Centro Sociale avrà luogo la presentazione del documentario L'ultimo treno di Bouarfa sceneggiato e diretto da Rosa Brines e prodotto dal Coordinatore delle Associazioni per la Memoria Democratica del Paese di Valencia con il patrocinio della Generalitat Valenciana.

L'assessore alla Cultura ha spiegato che il documentario racconta il viaggio di una famiglia di Banyeres de Mariola, nel deserto marocchino, per riesumare i resti del nonno, morto nel 1940, e rimpatriarlo. Vicente Mataix Ferre, passeggero 416 della nave Stanbrook, andò in esilio in Nord Africa e subì la stessa sorte della maggior parte dei 12.000 repubblicani che cercarono rifugio in Algeria, Marocco e Tunisia. Fece parte dei campi di lavoro forzato in un regime di semi-schiavitù per costruire la chimera coloniale del governo di Vichy (Francia), conosciuta come la ferrovia “Trans-Sahariana”.

L'evento sarà presentato dall'archivista comunale, Rosa Seser, e con la partecipazione di Ángel González, presidente del coordinatore delle associazioni per la Memoria Democratica del Paese Valenciano e Josep Mataix, nipote di Vicente Mataix. Rosa Seser, nella sua presentazione, racconterà un argomento poco conosciuto, facendo riferimento ad alcuni esuli dianense nel Nord Africa.

1 Comentario
  1. jopelin ha detto:

    Memoria democratica parziale e settaria?


37.861
4.463
12.913
2.680