Dénia.com
Cerca

Colomer afferma a CEDMA e AETHMA il suo supporto per espandere la capacità all'interno dei ristoranti nella fase 2

Può 23 da 2020 - 10: 24

Il segretario autonomo di Turisme, Francesc Colomer, ha messo in evidenza il sostegno di Turisme alle varie richieste del settore raccolte in questi giorni e che venerdì ha potuto condividere con alcune entità aziendali.

In questo senso, ha indicato che la sua intenzione è quella di suggerire al presidente della Generalitat, Ximo Puig, che alla prossima Conferenza dei presidenti chiederà, tra le altre questioni, la modifica della capacità del servizio offerto al tavolo del ristorante nella fase 2.

Lo ha detto Francesc Colomer durante l'incontro che ha tenuto con il Affari Cercle Marina Alta (Cedma) e l'Associazione degli imprenditori dell'ospitalità e del turismo della Marina Alta.

Colomer ha spiegato che, tra i suggerimenti raccolti, "Siamo d'accordo sulla necessità di spostare la percentuale di servizio al tavolo da espandere all'interno degli esercizi di ristorazione, che attualmente si attesta al 40%, nella misura consentita dallo spazio interno, garantendo la distanza sociale di sicurezza". "Se questa richiesta non è possibile, esortare almeno ad aumentare la capacità di consumo interno al 50% nella fase 2, come nel caso delle terrazze nella fase 1", ha sfumato.

Mobilità interispettoriale

Ha anche incluso una richiesta che "È consentito il flusso interprovinciale di cittadini, poiché questa mobilità andrebbe a beneficio diretto del settore turistico, uno dei più colpiti durante questa pandemia e che deve essere riattivato al più presto."

Il capo di Turisme lo ha sottolineato "Queste richieste saranno sempre soggette alla sicurezza sanitaria, perché il principale e prioritario è garantire la sicurezza dei cittadini, ma è anche necessario introdurre nuovi progressi per dare impulso al settore turistico".

Anche Francesc Colomer si è trasferito "la necessità che la quarantena richiesta per i turisti internazionali finisca quando finisce lo stato di allarme" e che "Questa misura ha creato un po 'di confusione nei mercati internazionali e dovremmo tutti contribuire a chiarire che, una volta superato lo stato di allarme e il traffico aereo e l'apertura delle frontiere, i turisti saranno in grado di rientrare fintanto che le misure di sicurezza necessaria ".

Il capo di Turisme lo ha sottolineato "La cosa più importante è sempre la sicurezza delle persone, ma dobbiamo allinearci con la posizione che l'Europa sta assumendo per sottolineare la necessità di riattivare il turismo il più presto possibile, stabilendo corridoi tra regioni che si trovano in una situazione di sicurezza avanzata".

1 Comentario
  1. Francisco ha detto:

    Come sempre, favorisci chi inquina e paga. E fare surf e kaysurf sui singoli sport che non danneggiano l'ambiente li emargina. Ringrazio i miei impiegati politici. Nelle prossime elezioni non contano sul mio voto.


35.320
4.085
8.640
1.940
Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.