Dénia.com
Cerca

La Torre del Gerro de Dénia: dov'è, percorso, storia e foto

19 settembre 2020 - 01: 00

La Torre del Gerro è una torre di avvistamento costruita nel XVI secolo per proteggere la costa dagli attacchi dei pirati. Il suo nome deriva dalla sua forma di brocca o brocca (gerro, in valenziano). Sorge a 125 metri sul livello del mare ed è un patrimonio di grande valore storico e culturale, che si trova anche in un incredibile ambiente naturale, ai piedi del Parco Naturale di Montgó.

Successivamente hai un indice con tutti i punti con cui ci occuperemo.

Posizione

La Torre del Gerro si trova alla fine della strada da Les Rotes (Lo vedrai anche chiamato Las Rotas), a Denia, raggiungendo il limite con il termine municipale di Xàbia. Les Rotes È la zona costiera del sud di Denia, caratterizzata dalle sue insenature rocciose, e comprende il Marineta Beach Cassiana (ancora sabbiosa) e le calette di El Trampolí, Punta Negra e les Arenetes. La torre sorge sulla scogliera finale della costa di Les Rotes, vicino al Capo di San Antonio (Cap de Sant Antoni in valenciano).

Indicazioni

Alla fine di Les Rotes, molto vicino al ristorante Mena e la Riserva Marina di Cabo de San Antonio, inizia il Via Lattea, la salita alla Torre del Gerro. Devi lasciare l'auto qui, prima di iniziare questa strada, e continuare a camminare, perché la via Láctea non ha uscite e l'accesso in auto è consentito solo ai residenti. Non è una salita molto lunga, ma abbastanza ripida. A metà percorso troviamo un punto segnato soprattutto per scattare fotografie, dove il sentiero per il Cova Tallada:

Da qui puoi ottenere una buona foto del file Capo San Antonio, a cui siamo molto vicini.

Itinerario a piedi o in bicicletta

C'è una passeggiata di circa 5 chilometri (solo andata), che attraversa Les Rotes fino alla Torre del Gerro. Questo percorso parte dalla spiaggia Marineta Cassiana e attraversa tutte le calette rocciose fino a raggiungere la fine di Les Rotes, dove inizia il sentiero fino alla torre. Fino a qui è una facile passeggiata, condivisa da escursionisti e ciclisti, che alterna piastrelle, asfalto, sterrato e acciottolato. Come abbiamo detto, all'inizio della Via Lattea inizia la salita, quindi il percorso esce dal piano e la difficoltà aumenta.

Per quanto riguarda l'accessibilità, la zona Marineta Cassiana è ideale perché piastrellata; più avanti il ​​sentiero piega su sterrato o sassi e sono presenti rampe perché ci sono incroci con anfratti e viali.

Storia

La Torre del Gerro è una torre di avvistamento costruita nel XVI secolo, tra il 1553 e il 1554, a scopo difensivo. A quel tempo, gli attacchi dei pirati barbareschi, provenienti dal Nord Africa, erano una costante. I paesi costieri della Marina Alta vivevano in un clima di paura, secondo la storiografia dell'epoca.

La torre Gerro fa parte della rete di fortificazioni che si estende lungo la Costa Blanca (la costa della provincia di Alicante) con lo stesso scopo. Infatti, le due costruzioni più vicine mai registrate sono un'altra torre situata nell'attuale faro di Sant Antoni, e la torre de L'Almadrava o del Palmar (che non esiste più), a I Marines a Dénia.

"Vicino al faro (di San Antonio) un po 'a destra, si trovava la torre di San Antón, che faceva segni con la torre Portichol (...) e la torre Gerro, sulla stessa spianata, già nel termine di Denia , di fronte al Golfo di Valencia. Della torre di San Antón non rimane nulla ". fonte: Torri di avvistamento e difesa contro i pirati berberi sulla costa del Regno di Valencia, di Francisco G. Seijo Alonso (Ediciones Alicante).

Da Pilar de la Horadada, nella provincia meridionale di Alicante, a Dénia, nell'estremo nord, c'erano 37 torri di guardia che avvistavano il nemico. Le torri avevano una comunicazione visiva tra di loro, cioè potevano vedersi tra le più vicine. E usavano anche altri mezzi, come cartelli con specchi o fuoco. Avevano anche guardie che li sorvegliavano e che avvisavano dei pericoli.

Caratteristiche

È alta 13 metri ed è una torre circolare di forma tronco-conica, con tre piani: uno inferiore massiccio, inclinato, e tre vani a volta sovrapposti. La porta di accesso è al secondo piano, a cui si accedeva tramite una scala mobile. La torre era coronata da due caditoie: una caditoia era una struttura in cima alle torri che permetteva di lanciare proiettili, pietre e oggetti in fiamme attraverso i fori, per proteggere il muro.

Sul lato rivolto verso il mare, la torre ha lo stemma del Regno di València, quattro sbarre e la corona reale di Carlo V, sull'aquila bicipite degli Asburgo. Di seguito sono riportate le armi del duca di Maqueda, che lo fece costruire. All'interno i diversi livelli sono comunicati da un'apertura.

vista

Quando arriviamo alla torre, le viste sul mare, Cabo de San Antonio e Denia sono spettacolari. Giornate limpide puoi vedere Ibiza e Formentera. E di notte questa è una torre di guardia privilegiata per guarda le stelle, perché è un punto con pochissimo inquinamento luminoso ed è lontano dall'area urbana.

Curiosità

  • La Torre del Gerro è stata conosciuta negli anni anche da Torre del Yerro, Cherro, Jerro, Agua Dulce, Ahua Dulce o Arenal.
  • Entra a far parte del Itinerario dei Castelli del Confine della Paura, progettato dall'Ente Provinciale per il Turismo della Costa Blanca.

    Questo percorso riunisce l'eredità di pietra che è servita a difendere la costa di Alicante dagli invasori pirati. La paura dei corsari era enorme e si doveva costruire un confine marittimo con torri e fortezze difensive, anche per combattere la paura degli abitanti. All'interno di questo percorso ci sono fortificazioni come quelle di Villajoyosa, Benidorm, Altea, Calp o Xàbia e oggi serve per godersi il fascino della nostra costa.

Immagini

Lascia un commento

    36.234
    4.209
    10.287
    2.050
    Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.