Dénia.com
Cerca

Tardor, l'artista dianense che ha creato in Germania un murale 3D tanto conflittuale quanto imponente

Novembre 30 da 2019 - 02: 34

Tardor Roselló è un giovane di Denia che, sebbene il suo nome possa non sembrare come te, le sue opere fanno già parte della vita quotidiana della città. E non solo, ma ha decorato con la sua arte i punti più emblematici di diverse città della regione, così come Madrid e altre città.

Questa volta ha affrontato una nuova sfida, l'elaborazione di un murale impressionante in cui, con Effetto 3D, ha cercato di rendere visibile il problema della crescita fascista nell'area di Dresda, in Germania. Un obiettivo non facile quando lavori in strada, in vista di chiunque passi attraverso il luogo e, per più inri, di essere straniero.

Abbiamo parlato con l'artista per dirci chi è e come ha vissuto la sua esperienza a Dresda.

Da quando ti dedichi ai graffiti e perché hai iniziato a interessarti a questa disciplina?

Il mio primo graffito è stato con 16 anni, in 2013, ma per molto tempo ho avuto interesse per il disegno e, in generale, per la cultura hip hop, poiché sono stato molto influenzato dalla musica rap. Alla fine, ho deciso di passare quegli "scarabocchi" che ho fatto in un foglio a un muro.

Ciò che mi ha colpito di più è stato il formato e la libertà che offre. Con gli anni e la pratica stavo migliorando e avendo più interesse per il muralismo, dove contava non solo il disegno, ma l'interazione che ha con lo spazio.

Dove siamo stati in grado di vedere i tuoi lavori?

Ho dipinto abbastanza per Dénia e per i villaggi circostanti. A Denia sono stato in grado di partecipare a tutte le edizioni di Urbajove, il concorso di arte urbana, e le mie opere si trovano in via La Vía insieme a quelle di altri artisti, oltre che dietro il tunnel del castello e Torrecremada. Anche in altri recinti digitare in attività commerciali o case private della città, con murales o lavori di studio (immagini).

Questo a Dénia, a La Xara, ho realizzato un murale in Plaza del Garrofer qualche mese fa, e anni fa in Plaza del Cinema. A Jesús Pobre ho uno dei miei murales preferiti, che si trova in Plaza Rosa. Ho anche alcune opere a Benigembla, dove mi hanno trattato come una favola in entrambe le edizioni del festival BIMAU.

Inoltre, ho diversi murales in diversi quartieri di Madrid, che è dove vivo in questo momento, ma sono costantemente in viaggio per dipingere in diverse città e luoghi, come la Galizia, León e ora, recentemente, a Dresda (Germania).

Perché hai deciso di realizzare quel murale a Dresda?

Ho realizzato questo murale tra 21 e November 22, approfittando di un viaggio a Berlino per fare un lavoro con un amico. Un'amica fotografa ci ha raccontato di aver realizzato un progetto nella città in cui viveva (Dresda). Essendo un lavoro sociale e con la libertà di espressione ci è piaciuta l'idea.

Ci è stato detto dalla situazione sociopolitica della città, dagli organizzatori dell'evento e da tutti gli inconvenienti che hanno avuto perché erano immigrati. Inoltre, facendo ricerche su Internet, ho visto la crescita problematica del movimento fascista sul posto ed ero chiaro che volevo riflettere sul mio muro il problema che la città stava attraversando.

Com'è stata l'accoglienza del murale da parte degli abitanti di Dresda?

Devo dire che non è uno dei posti in cui mi hanno trattato meglio quando dipingevo. Quando dipingi per strada sei esposto a tutte le opinioni di tutti coloro che la attraversano, che è allo stesso tempo la bellezza di questa professione. Queste cose non accadono all'interno di uno studio, ma non molte altre che sono grandi.

In questo caso avevamo alcuni vicini a cui l'iniziativa non piaceva molto. Mi sono sentito nell'ambiente e ho persino ricevuto una minaccia da uno di loro, ma è quello che ho detto prima, alla fine molte persone passano mentre dipingi. È un museo a porte aperte e non ti piaceranno tutti. Devo anche dire che alcuni vicini che non avevano nulla a che fare con l'evento ci hanno dato molte cose.

Parlami della tecnica. Come si ottiene quell'effetto 3D?

Questo effetto 3D è visto da un punto di vista precedentemente scelto e da questo punto sembra che l'immagine esca dal muro. In questo caso è realizzato con pareti laterali 2 e un pezzo di muro più lontano.

È la prima cosa che fai in questo modo?

Non è il primo che faccio. Il primo che ho fatto a Dénia qualche anno fa, in una mostra che ho fatto nella stanza di Llunàtics.

E adesso?

Alcune opere per privati, l'14 di dicembre, ho una mostra di arte urbana a Madrid e altri progetti in altre città. Puoi vedere tutto il lavoro che sto facendo, e questo in Germania, nel mio profilo, Tardor Graffiti, su Instagram y en Facebook.

Lascia un commento

    35.289
    4.083
    8.487
    1.930
    Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.