Il requisito di Valencia è approvato dopo un dibattito teso

Questo pomeriggio si è tenuta la sessione plenaria ordinaria a Dénia, dove è stato votato il requisito della lingua di Valencia per accedere a una posizione ufficiale pubblica nel municipio. Il punto è stato approvato grazie alla maggior parte dei PSPV-PSOE accanto alla votazione a favore di compromis, ma con il rifiuto di popolare Dénia, cittadini Dénia e Gent de Dénia, che sono stati molto critici nei confronti della decisione.

Si prevede che la misura, che interesserà solo coloro che fanno domanda per i nuovi posti offerti o per le promozioni interne, inizierà a essere richiesta da luglio del prossimo anno.

PP, Citizens e Gent de Dénia hanno mostrato il loro rifiuto assoluto dell'approvazione del punto che, secondo il popolare, «Viola la dottrina istituzionale sulla co-ufficialità»garantire che «Viola la legalità». Le tre parti hanno concordato che il Valenciano dovrebbe essere valutato, ma nel merito e non come a "Imposizione".

Da parte sua, Compromís ha espresso soddisfazione per la decisione del PSPV di andare avanti con il requisito linguistico e ha espresso il suo disaccordo con la posizione dei gruppi avversari, assicurando che con tale atteggiamento «Perdono i cittadini che difendono la loro lingua».

«È la miglior lingua del mondo», ha esaltato il portavoce della formazione valenciana, Rafa Carrió, sottolineando quello «Non dovresti spendere per incoraggiare l'odio, ma amalo». «Non è un obbligo, ma un diritto del cittadino essere servito nella sua lingua in uno spazio pubblico», Difende Carrió, a cui aggiunge quello «È un linguaggio che aiuta a essere critico e libero da pensieri».

Vicent Grimalt Voleva anche esprimere la sua opinione sull'argomento dopo il dibattito teso, sottolineando, dopo le accuse di PP, Citizens e Gent de Dénia, che «se una lingua è stata maltrattata qui è il valenziano, mai il castigliano » nonostante, secondo il sindaco, Denia parli principalmente di Valencia.

Rifirrafe tra cittadini e impegno dei valenciani

Tra i dibattiti controversi che si sono generati, lo scontro tra Compromís e Ciudadanos è stato particolarmente duro, dopo aver ricordato al governo che il dipartimento di normalizzazione linguistica è stato offerto alla formazione arancione, che, secondo Carrió, «Non ama la lingua».

La portavoce di Citizens, Susana Mut, ha difeso la sua posizione assicurando che fosse anche la sua lingua e sostenendo che nessuno poteva dirle «Chi non ama la sua lingua». «Se voto contro di esso, non è che non la amo, ma non mi piace che le cose vengano imposte», dice Mut.

Da parte sua, Estefanía Schwamb, anch'essa membro del gruppo municipale dei cittadini, ha preso il turno di richieste e domande per sottolineare che, «Se dicono che Denia è principalmente valenciana, non dovresti chiedere il titolo spagnolo invece di quello valenziano?».

articoli correlati

Commenti su "Il requisito valenziano è approvato dopo un intenso dibattito"

4 Commenti

  1. Luis :

    Ora vogliono farci credere che ottenere una posizione ufficiale nel municipio dipende dagli studi e dalle conoscenze di ognuno? Le piazze sono assegnate con le dita a seconda di chi è la tua famiglia. Il valenziano non è vero neanche perché non esiste un insegnamento regolamentato in valenciano, ma in catalano. Valencia è abbastanza per suonare ciò che non so è e tutto ciò che cerca di implementare qui lo stesso sistema di sovvenzioni con la scusa del linguaggio che viene fatto in Catalogna. E tutto questo per continuare a posizionare il dito su di loro, ma questa volta con le tasche più piene.

  2. puffff :

    Ora dobbiamo richiedere anche il livello di conoscenza dello spagnolo? A1, A2, B1, B2, C1, C2 in spagnolo. Ridere.
    O geometria migliore? O non vale la pena aver studiato le materie regolamentate della Comunità Valenciana?
    Neanche i corsi seguiti dai funzionari. Devi pagare tu stesso, molto socialista.

(Obbligatorio)

33.565
3.866
6.219
1.580
Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.