Dénia.com
Cerca

Opinione Piattaforma civica di Denia: «Noci Habemus! Perché così? "

Gennaio 18 da 2019 - 11: 14

Dal momento che le corti di giustizia hanno lasciato la città di Denia senza pianificazione urbana, ha dovuto trascorrere un anno e mezzo per recuperare la sicurezza legale e, con essa, la tanto attesa stabilità economica e territoriale.

Quello che sarebbe stato a poche settimane dall'esposizione pubblica delle Regole Transitorie della Generalitat, è finito per diventare più di dodici mesi di incertezza e danno alla comunità. Riunioni, accordi, relazioni, risposte, scadenze e una serie di azioni di ciò che è già stato definito "politica gomito a gomito", che, per le informazioni che abbiamo, non è altro che una metafora della presunta pressione municipale che ha portato il Ministero non solo a rinunciare all'urgenza di questa medicina transitoria, ma anche a condizionare la propria competenza per l'elaborazione e l'approvazione della norma urbanistica.

Preoccupazione sì, disagio e delusione anche. Ma ora sono diventati un'illusione e la speranza di riconquistare la fiducia, nonostante l'enorme ritardo della Consell, e le strane manovre di una Direzione Generale di Pianificazione e Pianificazione Urbana, che ha concesso scadenze che in seguito hanno violato il Consiglio Comunale. Quest'ultimo sembra aver incorporato nuove relazioni estemporaneamente per raggiungere il suo scopo; dodici declassificazioni che hanno permesso di mantenere in vita il suo piano strutturale. Sebbene, alla fine, la Conselleria abbia finito per evitare la rovinosa pretesa, tranne che per un cambio di last minute sul suo sito web, accettando solo una parte di uno di quei dodici piani da declassificare.

Quando già pensavamo che ci fosse solo da pubblicare, la Generalitat di nuovo ha avuto un impatto inutile sulle vittime, ritardando la pubblicazione dell'accordo di approvazione al limite. Come risultato di tutto questo incoerente e oneroso modus operandici troviamo con una NUT autonoma vulnerabile e con un piano strutturale che si agonizza nella sua fuga verso l'abisso del fallimento. I governi locali non riconosceranno la realtà e sicuramente ci inviteranno a festeggiare il Groundhog Day nel prossimo mese di agosto, momento in cui la fase ambientale del PGE scadrà finalmente e in cui dovremo ripartire da zero, dedicando più tempo e denaro pubblico per lo scopo ricorrente. Ma, nell'universo elettorale, la messa in scena è un valore e ci farà credere che ci sia un futuro nel già defunto Piano Generale.

Con la soddisfazione, infine, di avere una regola che governa l'urbanismo fatiscente di Dianense, manteniamo il nostro impegno etico a chiedere trasparenza e buon governo. Pertanto, mercoledì, abbiamo formalmente presentato due richieste per aprire le commissioni investigative; uno rivolto alla Presidenza della Generalitat, l'altro all'Ufficio del Sindaco del Ajuntament de Dénia, entrambi dirigenti che amano questo tipo di pratiche analitiche remunerate.

Gli agenti sociali che partecipano alla piattaforma civica di Dénia desiderano che la nostra richiesta di investigazione e trasparenza sia valutata e accettata. Inoltre, abbiamo chiesto che venga portato all'attenzione dei gruppi politici dell'opposizione e, naturalmente, abbiamo offerto la nostra collaborazione come partecipanti attivi in ​​due commissioni, perché, in definitiva, siamo i cittadini che hanno le domande a cui è necessario rispondere e documentare. . Forse questo è il modo per superare l'oscurità di tanti interessi politici che hanno finito per contaminare l'urbanistica.

Lascia un commento

    34.557
    3.991
    7.413
    1.750
    Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.