Anche i nostri popoli hanno i loro mostri

Halloween ritorna come ogni anno da quando questa vacanza anglosassone si è stabilita qui. Ogni 31 di ottobre, persone di tutte le età si travestono in modo agghiacciante per passare inosservati tra tutti i mostri che vagano liberamente per le strade di ogni città. Tutto questo durante una sola notte, festa e orrore.

Immagine: ian-espinosa-rX12B5uX7QM-unsplash

È quindi molto comune durante questa notte attraversare la strada con una strega, una mummia, vampiri e molti zombi. Ma altri esseri che portano molte generazioni tra noi si intrufolano tra loro e fino a poco tempo fa non avevano giorno da festeggiare tra i vivi. Questi sono i mostri della tradizione valenciana, che una volta terrorizzavano i più piccoli e ora, dopo un po 'dimenticati, vedono di nuovo la luce.

Immagine: fey-marin-KnVwCMg3GbA-unsplash

Esseri come Moro Mussa, un personaggio tradizionale della nostra mitologia a cui viene detto che viaggiava accompagnato dal suo gatto nero e con un serpente arrotolato nel suo corpo.

Inoltre è il caso dei Butoni, una specie di mostro o demone, un personaggio abituale nel bestiario dell'immaginario valenziano, che si dedica a fare misfatti e spaventa i bambini piccoli.

E chi non ricorda l'uomo nella borsa? Si dice che rapisca i bambini mettendoli in un sacco. Di solito è raffigurato come un uomo che vaga per le strade con un sacco in cerca di bambini perduti. È uno degli stereotipi dell'essere di cui le creature hanno paura.

Immagine: watari-j85t8FTaCcE-unsplash

Tra i mostri del bestiario valenziano evidenzia anche la Quarantamaula, una misteriosa creatura, di origine demoniaca, un essere fantastico che ha spaventato i bambini quando si sono comportati male.

E non dimenticare i Gambosin, una specie di ometti, anche se un altro li considera animali, che vivono nascosti nelle foreste vicino ai villaggi. A loro piace avvicinarsi ai nuclei popolati per osservare i cittadini e imitare i loro gesti e azioni. Tendono anche ad avvicinarsi alle aree del campeggio o aree con fondi e tavoli per mangiare. Quando trovano qualcuno lo prendono in giro. Alcuni dicono di avere una coda, altri ululano e ballano fino alla luna piena; e altri li considerano capricciosi goblin.

Immagine: daniel-jensen-NMk1Vggt2hg-unsplash

A loro si aggiungono Donyets, Cuca Fera, l'Home dels Nassos, els Gegants o Les Bruixes. In breve, una vasta gamma di esseri per essere orgogliosi del fatto che la nostra tradizione abbia anche mostri, storie e leggende legate alla paura.

articoli correlati

Commenti su "Anche i nostri popoli hanno i loro mostri"

(Obbligatorio)

33.565
3.892
6.561
1.610
Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.