Dénia.com
Cerca

La danza e lo sport sono protagonisti dell'atto istituzionale di 8M a Denia

08 marzo 2023 - 14: 03

Oggi in Plaza del Consell de Dénia si è svolto l'atto per la festa della donna, in cui il sindaco, Vicent Grimalt, e l'Assessore alla Parità, Javier Scotto, sono stati accompagnati da tre giocatrici della prima squadra di calcio femminile della città: Maria Rosa Vives, Pepa Masiá e Rosa Fontanet. Loro, che riceveranno un meritato omaggio questo fine settimana, sono stati incaricati di leggere il manifesto.

https://youtu.be/avcjy6EpH9U

Successivamente è stata interpretata Migrare, un'innovativa proposta scenica che unisce teatro, danza ed equilibrio con i trampoli. È stato realizzato dalla società Maduixa, che ha creato una storia di superamento e ostacoli che ha commosso il pubblico.

Le attrici Laia Sorribes, Melissa Usina, Paula Quiles, Sara Canet e Cristina Maestre sono state incaricate di eseguire questo lavoro, che ha composizioni musicali di Damián Sánchez e coreografie di Cristina Fernández.

Manifesto 8M

Durante l'atto commemorativo dell'8 marzo, Giornata internazionale della donna, è stata letta una dichiarazione istituzionale concordata dal Consiglio delle donne di Denia. Il testo, letto dall'Assessore alla Parità e alla Diversità e da tre delle donne che hanno composto la prima squadra di calcio femminile della città e che saranno premiate domenica prossima, include, tra l'altro, le principali proposte sulla parità che la Federazione Spagnola dei Comuni e Province ha funzionato quest'anno.

La dichiarazione inizia riconoscendo che la sfera locale deve proseguire con l'impegno di costruire una società egualitaria, che garantisca i diritti di tutte le persone, nonché la partecipazione attiva alla vita locale, e si afferma che questi impegni devono riflettersi nella progettazione e gestione delle politiche locali che trasformano le nostre società in motori di trasformazione.

La dichiarazione propone di intensificare gli sforzi nello sviluppo di politiche volte a promuovere l'occupazione, l'empowerment e l'educazione per le pari opportunità e incorporare la prospettiva di genere in tutte le attività locali. Chiede inoltre di ampliare il sistema di assistenza alle vittime di ogni forma di violenza sessista contro le donne nell'ambito delle competenze dei governi locali, avanzare nel miglioramento dei sistemi di diagnosi precoce, ponendo al centro di tutte le misure i diritti di le vittime e il loro empowerment, e curando il riconoscimento del diritto alla riparazione delle vittime.

Dopo questa prima parte, la dichiarazione istituzionale si è concentrata su coloro che quest'anno sono stati onorati dal Consiglio comunale di Denia: le donne che hanno formato la prima squadra di calcio femminile di Denia. Tre di loro, Maria Rosa Vives, Pepa Masiá e Rosa Fontanet, hanno letto la continuazione del manifesto, ricordando che Denia "è stata, senza dubbio, una delle pioniere del calcio femminile, un evento storico nel 1971 e nel 1972, e il La squadra che rappresentiamo qui oggi faceva parte dell'incorporazione delle donne nel mondo dello sport”.

Allo stesso modo, hanno colto l'occasione per rivendicare lo sport femminile nel comune e incoraggiare tutte le donne a "partecipare attivamente". "Vogliamo unire gli sforzi per garantire che le pari opportunità tra donne e uomini siano reali ed effettive ed eliminare ogni forma di discriminazione nei confronti di donne e ragazze, e che questo sforzo non sia fatto solo dalle donne ma dalla società nel suo insieme", hanno aggiunto .

Infine, il manifesto ricorda che oggi è un buon momento per riflettere sui traguardi raggiunti negli ultimi anni in tema di uguaglianza e, soprattutto, per programmare le sfide in sospeso, senza dimenticare che "ogni giorno è una buona occasione per mettere in pratica l'uguaglianza.

Il sindaco, Vicent Grimalt, ha citato questi primi calciatori dianense come “un simbolo della lunga strada che le donne percorrono ancora per normalizzare il libero ed equo accesso allo sport, a qualsiasi professione, a tutte le sfere sociali. Perché senza parità tra uomini e donne -ha aggiunto- non potremo mai parlare di libertà: la libertà di chiunque di scegliere la propria strada nella vita senza dover considerare se vuole affrontare la sfida di diventare un'eroina, un modello o una fonte di ispirazione; la libertà di qualsiasi donna di scegliere una professione o praticare uno sport dal semplice desiderio personale di farlo. «Quando smettiamo di costringere le donne a essere eroine che devono continuare a colpire la pietra ogni giorno per aprire la strada alle donne delle generazioni successive, solo allora potremo parlare di uguaglianza. Di libertà”, ha concluso il sindaco.

3 Commenti
  1. Dani ha detto:

    E quando è la festa degli uomini?
    Non è forse uguaglianza?
    Oggi non è la festa della donna, è la giornata dell'interesse politico.
    Da Democratic Crusade proponiamo che ci sia un unico giorno di uguaglianza di genere, per uomini e donne e che quel giorno sia il 25 luglio.
    Al diavolo 8M!

  2. treballer ha detto:

    mentre lavoravo

    • Luis ha detto:

      Esattamente donne e uomini che lavorano, mentre si esibiscono sovvenzionati con soldi pubblici. Interessante il modo in cui le femministe e le associate abbassano la testa e restano in silenzio di fronte agli eccessi sessuali puttanei dei loro deputati machirulo eteropatriarcali al Congresso. Rimangono in silenzio e acconsentono come le migliori mogli sottomesse che le perdonano, affermando che "è una cosa da uomini". Gruppo disgustoso di vita pubblica ipocrita.


37.861
4.463
12.913
2.700