Dénia.com
Cerca

Il sogno dell'hotel di Denia con accesso a un mare che ora è asfalto: la breve pietra miliare di Mar-Bella

Gennaio 28 da 2024 - 08: 00

Erano gli albori del turismo. Quando, in realtà, questo turismo era solo un progetto di Denia che restava da vedere se fosse realizzato. Tutto indicava che così sarebbe stato. Non esistevano ancora i grandi porti nautici e in città c’era più acqua che asfalto. Ma il mare era una risorsa che fin dall'inizio aspirava ad essere sfruttata per attirare turisti, e questo fu il principale slogan di una delle iniziative pionieristiche in questo senso: il dimenticato hotel Mar-Bella.

La Denia degli anni '60 è lontana da oggi. Non è passato nemmeno un secolo ma la trasformazione subita in quei decenni l'ha resa una città totalmente diversa. Negli anni '60 il mare era più presente. L'infrastruttura portuale era ancora molto arcaica e poco sviluppata. Inoltre non esistevano ancora i porti nautici privati ​​che esistono oggi. Allora cosa c'era? Bene, questo è tutto, solo acqua.

Molte strade del litorale cittadino, sulle quali circolano quotidianamente centinaia di veicoli, non esistevano e al loro posto c'era solo il Mediterraneo. Soprattutto nel sud del centro urbano, poiché l'ultima linea di terra era praticamente l'autostrada Denia Xàbia.

È stato lì che José Martí Ivars ha deciso di localizzare uno dei primi progetti focalizzati su un tipo di cliente molto specifico: il turista in cerca di sole e spiaggia. Si sarebbe chiamato Hotel Mar-Bella e, nonostante sia partito da un'idea oggi emulata con successo in innumerevoli destinazioni turistiche, la sua vita sarà più breve del previsto.

L'hotel con le porte sul mare

L'Hotel Mar-Bella era un piccolo progetto con enormi aspirazioni. Ottenne nel 1963 la licenza per poter costruire un complesso di 10 stanze con vista mare. A realizzare l'idea di Martí fu l'architetto Eugenio Viedma, che progettò un edificio a due piani, con le camere degli ospiti situate al piano superiore e il piano inferiore riservato alla cucina, al bar, alla sala comune, alla sala da pranzo... Tutte le comodità. E fuori, un'area ricreativa all'aperto dove era l'attrazione principale di Mar-Bella: un'uscita diretta al mare.

Oggi il lotto in cui si trovava è a molti metri dall'acqua. Di fronte c'è una strada che porta alla rotonda del porto turistico Marina de Denia, ed anche un ampio parcheggio e l'intero piazzale del Real Club Náutico, prima inesistente. Ma allora c'era solo acqua e un piccolo pontile, come una terrazza, che costruirono per il divertimento dei turisti.

Morte prematura alle porte del boom turistico

La situazione era "magnifica", secondo le parole di un corteggiatore che un paio d'anni dopo ne propose l'acquisto per demolirlo e porre fine per sempre al Mar-Bella. Sì, aveva tutto per avere successo, essendo uno dei primi progetti che ha cercato i nostri attuali turisti offrendo loro una porta diretta sul mare. Non era una prima linea, era molto di più. La sua terrazza era a contatto con l'acqua. Ma non era abbastanza.

Ne venne richiesta la demolizione e al suo posto si prevedeva la costruzione di un blocco di otto piani oltre al piano terra, invece di soli due. Un edificio destinato ad abitazione, poiché oggi sorgono attorno ad esso. "Un'opera degna della città", hanno promesso. L'albergo scomparve poco dopo e l'edificio prese una nuova direzione, ben lontana dal progetto che aveva in mente il suo primo promotore. E anche, oggigiorno, molto più lontano dal mare.

3 Commenti
  1. Quino camera ha detto:

    E se non sbaglio finì per essere, per qualche anno, il bar "El Galeón" gestito da alcuni inglesi.

  2. Miguel ha detto:

    Storia affascinante, grazie mille.

  3. Miguel ha detto:

    Storia affascinante. Grazie mille.


37.861
4.463
12.913
2.700