Dénia.com
Cerca

Il PP richiede che il Consiglio comunale adotti misure per evitare il "cimitero dei locali con i ciechi"

Gennaio 15 da 2020 - 12: 34

Sempre più locali "per tutta la vita" decidono di abbassare i ciechi a Dénia. Una realtà con cui viviamo guardando dall'altra parte mentre ci uniamo alle nuove dinamiche aziendali che incidono direttamente sul commercio piccolo e vicino. Con l'intenzione di impedire la diffusione di questo ondata di chiusure, il Partito Popolare ha richiesto maggiori azioni da parte del Consiglio Comunale, proponendo diverse misure con le quali, secondo la formazione, per poter bloccare queste chiusure.

"La protezione e l'assistenza alle imprese tradizionali dovrebbero essere una priorità per evitare la perdita totale del commercio più vicino", sottolineano i popolari dianenses. Il gruppo municipale dichiara che Denia è stata tradizionalmente la culla delle piccole imprese che hanno arricchito l'habitat speciale di una città prospera, dinamica e diversificata. Tuttavia, sostengono che ora Denia "Sta diventando un grande cimitero di locali, ciechi e la segnaletica viene trasferita".

Il Partito Popolare, in questo modo, insiste su proposte che descrivono come "logico, facile da implementare e che non richiede altro ma la volontà di aiutare e supportare". Tra questi, propongono che le imprese partecipino direttamente alle date di inizio di la pedonalizzazione programmata nel centro di Denia, sviluppo di più programmi di promozione comunale per aumentare i consumi in bassa stagione, razionalizzazione delle procedure di apertura e creazione di un portale di web commerce.

A queste sono state aggiunte diverse iniziative di sostegno fiscale come la creazione e la gestione di un censimento dei locali commerciali disponibili, la creazione di un piano per il rinnovo degli stabilimenti commerciali e l'applicazione di incentivi fiscali attraverso la riduzione dei tassi di apertura, l'occupazione delle strade pubbliche , rifiuti urbani, IBI e incorporazione della zona blu libera per i clienti per gli acquisti commerciali.

2 Commenti
  1. Gesù ha detto:

    I franchising sono una piaga e la qualità è bassa, laminano la diversità e rendono tutti i siti un'uniformità brutta e stancante. I comuni prima dei vantaggi di un libero mercato in cui tutti noi dobbiamo reinventare ogni giorno, non penso che possano fare molto e non mi interessa il colore politico. D'altro canto sono già sfinito dall'eccesso di ospitalità e bar a Denia, una città che vivo da 50 anni. C'è molta qualità ... ma sono passati! È un peccato che non ci siano librerie ... Oh, che Ex Libris! ... e per fortuna abbiamo Publics!

  2. Alfonso ha detto:

    Tutte queste iniziative sono buone, ma nulla può essere fatto contro Internet, i centri commerciali e i franchising per salvare il commercio tradizionale. E più quando altri concorrenti sembrano più innovativi, meglio preparati e in molti casi più entusiasti dei loro progetti rispetto alle aziende tradizionali.
    Ci sono alcune aziende tradizionali che al momento non chiuderanno le loro porte perché coloro che continuano con loro, i relè generazionali, sono proattivi, innovativi ed entusiasti.
    Credo che il consiglio comunale possa fare le cose, ma non saranno efficaci nella situazione reale.
    Le imprese non possono essere mantenute perché sono "tradizionali" a scapito delle tasse dei cittadini.
    Il mondo del commercio è di rinnovare o morire. Un altro viene e prende il tuo mercato perché fa meglio o si adattano meglio alla domanda attuale.
    Ma tutto l'aiuto va bene, ovviamente.


34.544
3.989
7.399
1.750
Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.