Dénia.com
Cerca

Il Consell approva l'autonomia delle scuole

Novembre 29 da 2019 - 12: 49

La Plenaria della Consell ha approvato i decreti dei nuovi regolamenti di organizzazione e funzionamento (ROF) della Primaria e Secondaria che forniscono maggiore autonomia pedagogica, organizzativa e gestionale ai centri di insegnamento pubblico 1.420 del sistema educativo valenciano che forniscono gli insegnamenti obbligatori di Istruzione primaria, ESO e speciale, istruzione infantile, diploma di maturità e FP.

I ROF primari e secondari, che non erano stati rinnovati per 22 anni fa, intendono influenzare l'aumento dell'autonomia dei centri di insegnamento, ma mantenendo un alto livello di partecipazione dei diversi settori della comunità educativa di ciascun centro attraverso del chiostro e del consiglio scolastico.

Allo stesso modo, si impegnano anche ad aprire centri educativi pubblici alla società al fine di facilitare la conoscenza della loro offerta di formazione in modo che diventino centri di formazione permanente alla portata dei cittadini.

I due decreti regolano la partecipazione della comunità educativa all'organizzazione, al governo e al funzionamento dei centri educativi e l'agevolazione del coordinamento degli insegnanti attraverso una serie di organi di coordinamento.

Allo stesso modo, stabiliscono il quadro per la gestione dei centri e definiscono le competenze dei team di gestione, nonché quelle di ciascuno dei suoi membri.

I nuovi regolamenti promuovono la parità tra donne e uomini negli organi di coordinamento del governo e dell'insegnamento. Inoltre, sollecita anche che, per la specifica denominazione dei centri educativi, vengano promossi nomi di donne che si sono distinti in varie discipline, in riconoscimento del loro contributo in tutti i campi della conoscenza e nei principali eventi. L'obiettivo di questa misura è aumentare il numero di centri educativi con nomi femminili e rendere visibile il compito delle donne.

I ROF stabiliscono le basi per l'esercizio dell'autonomia da parte dei centri educativi da diversi punti di vista: pedagogico, mediante l'elaborazione del progetto del centro educativo (PEC); Organizzazione, attraverso le regole di organizzazione e funzionamento e gestione delle risorse, attraverso il progetto di gestione, tutto ciò incluso nella programmazione generale annuale (PGA).

Nell'ambito di questo programma annuale generale, viene attribuita un'importanza particolare al piano d'azione per il miglioramento (PAM), che specifica l'intervento educativo che verrà realizzato nel centro educativo.

In questo senso, i centri, per la realizzazione dei loro progetti educativi, possono proporre requisiti di qualificazione e formazione professionale in merito a lavori specifici, conformemente alle condizioni e ai limiti stabiliti dal Dipartimento.

Un'altra novità è che d'ora in poi il numero di ore settimanali di insegnamento per i team di gestione per lo sviluppo delle loro funzioni sarà assegnato a livello globale nel centro e nella direzione, nell'esercizio delle loro competenze, avranno l'autonomia di distribuirle tra i membri del team di gestione.

Allo stesso tempo, è stabilito che durante la giornata scolastica deve essere garantita la presenza di almeno un membro del gruppo dirigente.

Rafforzamento dei team di gestione

Il nuovo ROF rafforza i team di gestione, poiché generalizzano, nel caso di Infant e Primaria, la creazione della figura del capo degli studi per i centri da 6 a unità 8 e quella del vicedirettore di tutti gli istituti di istruzione secondaria.

I due decreti sviluppano inoltre il regime operativo e lo status giuridico del consiglio scolastico e del personale della facoltà. Pertanto, tra le nuove funzioni dei consigli scolastici c'è il fatto di nominare una persona per la promozione della parità effettiva ed effettiva tra donne e uomini.

Un altro cambiamento notevole, che migliorerà il funzionamento dei consigli scolastici, è che le persone elette possono essere licenziate quando il numero di ripetute assenze non giustificate di sessioni convocate durante un anno accademico supera il 50% di queste. Inoltre, al chiostro può partecipare personale non docente a supporto dell'inclusione, come educatori, con voce ma senza voto.

Per quanto riguarda la nomina dei tutor, è indicato che, sia nella scuola primaria che nella prima ESO, le persone che eserciteranno il tutoraggio saranno, quando possibile, insegnanti con una destinazione finale per il centro.

Inoltre, nel caso di Secondary, Baccalaureate e FP, i tutor dovranno tenere un incontro trimestrale minimo con i padri e le madri e saranno tenuti a informare gli studenti e le famiglie sui criteri di valutazione, i test da eseguire , gli obiettivi e i contenuti, il periodo di valutazione, nonché la programmazione, i diritti e i doveri degli studenti.

Con la filosofia di favorire l'autonomia dei centri, i team di gestione, ascoltati il ​​chiostro e il consiglio scolastico, saranno in grado di assegnare a determinati insegnanti del centro lo svolgimento di altri compiti necessari per l'organizzazione e il corretto funzionamento del centro in conformità con il criteri stabiliti dal personale della facoltà e proposti dal capo degli studi.

Questo, ad esempio, apre le porte alla creazione di nuove figure come il coordinatore della biblioteca della scuola o quelle che il centro considera appropriate per sviluppare il suo progetto educativo. Le ore di dedicazione di questo personale ai nuovi compiti assegnati possono essere svolte dal numero globale di ore di insegnamento settimanali stabilite per i diversi coordinati.

Lettera di impegno educativo per le famiglie

Per quanto riguarda la partecipazione e la collaborazione sociale, si sottolinea che i centri promuoveranno impegni con le famiglie per lo sviluppo di attività al fine di migliorare il rendimento accademico degli studenti e promuovere la partecipazione democratica, possono stabilire collegamenti associativi con diverse reti di volontari, associazioni culturali o altri agenti sociali.

In questa sezione va notato che, in applicazione del progetto del centro educativo (PEC), ogni scuola pubblica o istituto deve formulare una lettera di impegno educativo con le famiglie. La lettera di impegno educativo esprimerà gli impegni che ciascuna famiglia e il centro concordano in relazione ai principi che lo ispirano e che devono essere quelli necessari per garantire la cooperazione tra le azioni educative delle famiglie e il centro educativo in un ambiente di convivenza, rispetto e responsabilità nello sviluppo delle attività educative.

I nuovi ROF regolano anche la figura del volontariato scolastico, che secondo i due decreti è stato creato al fine di promuovere l'apertura di centri educativi all'ambiente e migliorare l'offerta di attività educative svolte dai centri. Questi collegamenti con le reti di volontari devono essere preventivamente autorizzati dal consiglio scolastico.

I ROF comprendono anche il riconoscimento dell'importanza della valutazione dei centri, allo scopo di fornire a tutti gli agenti coinvolti nel sistema educativo informazioni affidabili e sufficienti a supporto di giudizi, decisioni, pratiche e politiche di insegnamento che favoriscono l'apprendimento e la formazione della cittadinanza. Una valutazione che sarà sia interna, responsabile della stessa comunità educativa, sia esterna, dal Dipartimento della Pubblica Istruzione.

I due decreti contengono disposizioni transitorie diverse. Pertanto, nel caso del secondario, è necessario menzionare quelli che indicano che sarà di applicazione supplementare da parte dei Centri di formazione per adulti (FPA) e dei centri di formazione professionale pubblica (CIPFP) integrati, nonché i centri che insegnano artistico purché l'organizzazione e il funzionamento di questi non siano specificamente regolati.

I due decreti entreranno in vigore l'1 di settembre di 2020, ad eccezione della quarta disposizione transitoria del decreto primario, che sarà emessa il giorno successivo alla sua pubblicazione nella "Gazzetta ufficiale della Generalitat".

Questa disposizione si riferisce al mantenimento del giorno autorizzato, per i centri con un piano specifico per l'organizzazione del giorno di scuola, o del giorno che hanno il corso 2019-2020, per coloro che non hanno questo piano specifico, mentre il Il Dipartimento della Pubblica Istruzione non pubblica un nuovo regolamento del giorno di scuola.

Lascia un commento

    34.557
    3.991
    7.413
    1.750
    Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.