Dénia.com
Cerca

Denia mostra il suo potenziale gastronomico-turistico in Brasile con l'inaugurazione delle Città creative dell'UNESCO

26 Luglio 2022 - 13: 18

Denia è stata una delle tre città del mondo che ha partecipato alla sessione inaugurale della XIV Conferenza annuale della Rete delle città creative dell'UNESCO, tenutasi a Santos (Brasile). A nome del sindaco, l'Assessore alle Relazioni internazionali, Raúl García de la Reina, ha presentato l'esperienza di Denia all'interno della Rete dell'UNESCO alle delegazioni di quasi 300 città dei cinque continenti e come la sua presenza abbia influenzato l'azione e i progetti locali.

Santos, Città Creativa del Cinema, ha ricevuto le Città Creative dell'UNESCO con l'immagine del leggendario calciatore Pelé, che ha giocato nelle file della squadra locale, delle attività culturali in tutta la città e del ritmo della samba.

Il Segretariato della Rete ha espressamente invitato Denia a parlare del contributo reciproco tra le città e l'UNESCO nella sessione ufficiale di apertura della conferenza, convocata quest'anno con il tema "Creatività, percorso per l'uguaglianza".

Raúl García de la Reina ha sottolineato nel suo intervento che il Network of Creative Cities è stato uno strumento essenziale per rafforzare il potenziale gastronomico-turistico della città, aumentare i progetti pubblici e privati ​​in campo agroalimentare e promuovere l'educazione e la formazione gastronomica. In conclusione, ha affermato che "con il programma ei valori di Creative Cities si sono create le condizioni ideali per promuovere progetti in linea con gli SDG".

La delegazione di Denia ha partecipato al Forum dei sindaci, è stata intrattenuta dal sindaco di Santos, Rogério Santos e ha stabilito contatti con le rappresentanze di numerose città creative di diversi campi, oltre a partecipare a riunioni di lavoro, workshop e un forum convocato dall'organizzazione . La conferenza è stata chiusa venerdì scorso dal Direttore della Cultura dell'UNESCO, Ernesto Ottone, che ha sottolineato il ruolo delle città come agenti di trasformazione: "Confidiamo nella forza delle città per affrontare i grandi cambiamenti globali".

Grano, farina e dolci della Marina

Denia ha avuto anche una presenza eccezionale nella sessione "Pane delle città creative" (Pans de las Ciudades Creatives), convocata dalla Fondazione ITKI che, in collaborazione con diverse città della rete dell'UNESCO, lavora per raccogliere tradizioni culturali e il trasferimento di conoscenza tra generazioni.
Floren Terrades, direttore dell'Ufficio per l'Innovazione e la Creatività, ha presentato l'esperienza del recupero del grano dell'Associazione Riurau de Jesús Pobre (il progetto Blat de la Marina), la fabbricazione della farina artigianale de La Farinera e la tradizione del pane impasto popolare come le torte Marina.

Tutte queste informazioni sono state incorporate nei registri documentali della fondazione, che sono messi a disposizione del pubblico sulle sue reti e pubblicati annualmente. All'assemblea del 2018, a Cracovia (Polonia), Denia aveva già contribuito alla "Easter mona" e alla conoscenza del fornaio Raquel López.

L'impatto delle Città della Gastronomia

Il programma della conferenza prevedeva la consueta riunione di settore delle città. Denia ha incontrato il resto delle delegazioni delle Città della Gastronomia della Rete Unesco. Il rapporto presentato evidenzia che il settore della gastronomia ha registrato un aumento significativo dal 2015, proprio nell'anno in cui è stata accettata l'ingresso di Denia, passando dai 20 esistenti in quel momento ai 49 attuali, undici dei quali si trovano sul continente europeo.

Il bilancio indica che tra il 2021 e il 2022, nonostante la pandemia, le Città Creative della Gastronomia hanno avviato 317 iniziative, più della metà delle quali corrispondono a progetti di sviluppo economico e un'alta percentuale, il 41%, ad azioni volte a rafforzare l'identità culturale di i territori.
Nell'esame svolto nelle città è stata inserita una sezione dedicata esclusivamente alle azioni orientate o segnate dall'Agenda 2030 promossa dalla comunità internazionale e al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG). Il gruppo delle città della Gastronomia conta 195 iniziative in tal senso, tra le quali hanno un peso importante quelle che, come Denia, promuovono progetti di produzione e consumo responsabili e di recupero del territorio.

Nel contesto dell'incontro, la delegazione di Denia ha avuto l'opportunità di salutare e stabilire contatti stretti e diretti con le città recentemente incorporate nella Rete.

Città preparate per il futuro

Nella dichiarazione finale della Conferenza del Santos, Creative Cities ha rafforzato il proprio impegno a rispettare i mandati e i principi dell'UNESCO e, in particolare, per quanto riguarda la promozione della cooperazione e della solidarietà internazionale per realizzare l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Il documento sostiene un'integrazione più significativa e perspicace della cultura e della creatività nelle politiche e nei piani di ripresa post-COVID-19, attraverso un maggiore scambio di esperienze, conoscenze e buone pratiche.

Le conclusioni di Creative Cities saranno uno dei documenti della Conferenza Mondiale sulle Politiche Culturali e lo Sviluppo Sostenibile (MONDICULT 2022) organizzata dall'UNESCO e che riunirà i Capi di Stato e di Governo a Città del Messico il prossimo settembre.

La prossima conferenza dell'UNESCO Creative Cities Network si svolgerà nel 2023 a Istanbul (Turchia) e avrà il tema "Città a prova di futuro".

1 Comentario
  1. Luis ha detto:

    Brasile e Messico, due paesi con enormi divari sociali che creano povertà, criminalità, fame, violenza e insicurezza, la cosa peggiore che può capitare a una società. La cosa dell'UNESCO dovrebbe essere indagata.


37.861
4.441
12.913
2.400