Dénia.com
Cerca

Da Manises a Jesús Pobre: ​​la storia del nuovo emblema del mercato di Denia

Novembre 14 da 2019 - 09: 43

La nuova decorazione del Mercat Municipal de Dénia è ora visitabile. Un enorme murale artigianale realizzato con piastrelle dipinte a mano 828, con cui possiamo viaggiare nel passato, fino agli anni di 50, semplicemente fermandoci davanti a lui per alcuni secondi e osservando la grande quantità di dettagli.

Per prima cosa vedremo una porta dianense prima di quella attuale, più ruvida, più nuda. Rapidamente, la nostra vista è presa dal suggestivo castello. Ma, naturalmente, finiamo sempre per guardare Montgó. Ora il murale è molto più di questo. Di fronte a lui puoi camminare di nuovo in quel momento, non solo con il paesaggio che osserviamo, ma anche con la tecnica che evoca il decennio in cui fu aperto il Mercat. Rimani di fronte a una semplice piastrella bianca e non crederai che sia stato fatto in 2019.

Questo magnifico nuovo emblema dell'edificio e, quindi, della città di Denia è opera di José Manuel Tos, un uomo naturale di Manises, la capitale della piastrella valenciana, che ha dedicato la sua vita alla decorazione ceramica. "Ho fatto l'esperienza artistica nella scuola di ceramica, mi sono laureato a 18 anni ed è stato il mio lavoro professionale di una vita ", dice l'autore.

Tuttavia, Montgó lo affascinò e dovette trasferirsi nelle vicinanze. "5 anni fa ho incontrato Jesús Pobre. La prima domenica del 2015 sono andato a visitare la città e ho trovato lì il mercatino, con la sua atmosfera molto piacevole. Ho deciso di trasferirmi con la mia signora e ho vissuto lì per 4 anni". Ecco dove Tos si è incontrato Javier Scotto, sindaco di Jesús Pobre e consigliere comunale di Denia. Apparentemente, ha detto all'artista che c'era un progetto per realizzare un murale nell'area del mercato del pesce.

"Ne stavamo parlando e abbiamo raggiunto un accordo sul fatto che dovrebbe essere un murale rappresentativo del tempo in cui è stato fondato il mercato. Ho pensato che non avremmo dovuto mettere pesci o figure, il che sarebbe stato facile, ma l'area dei pesci è la migliore era presentare qualcosa con cui le persone si identificavano con l'ambiente che volevamo catturare ", dice Tosse. A marzo ha presentato al Consiglio comunale uno schizzo basato su una foto che gli è stata data degli anni 50. Il tempo passò tra i giornali e l'offerta, e nel maggio di quest'anno gli fu concessa l'esecuzione del murale.

Il murale è realizzato in modo artigianale, poiché tutta la vita ha funzionato secondo Tos, fatta eccezione per la parte inferiore che è una presa blu, puramente industriale. La parte superiore è stata realizzata interamente a mano. La smaltatura utilizzata nella parte bianca conferisce quel carattere antico lontano dal bianco industriale, con il quale l'autore cerca di riflettere un po 'di più il tempo presentato nel dipinto.

Quattro mesi di duro lavoro

Il murale è composto da 828 tessere, il fondo con una base di 80 cm in blu cobalto, nella parte superiore ci sono 390 tessere che formano il panorama 20x20, con 2 di altezza per 60 metri di larghezza. In totale ci sono 6 tessere la parte decorata. Nella parte superiore troviamo lo scudo del Municipio di Denia, il motivo centrale è l'etichetta del mercato e della data, e nella parte destra abbiamo la rosa dei venti che rappresenta molto bene qual è la zona questa. La parte superiore del tutto è smaltata di bianco. Smaltato tutto a mano, dalle mani di José Manuel Tos.

"È un lavoro di 4 mesi che ho trascorso abbastanza nervoso fino alla fine, evidenziando il nervosismo dei 4 giorni che il posizionamento del murale ci ha portato. Perché in questo murale, come ogni ceramica, il problema è l'assemblaggio. Con qualsiasi il contrattempo di una tessera è rotto e tutto è paralizzato per ridipingere la piastrella e adattarla a ciò che sta intorno ", ammette Tos.

Libertà prese contro la realtà

Ora, l'occhio più esperto può trovare alcuni dettagli che, per molti anni 50 che rappresenta, si allontanano dalla realtà. Tuttavia, tutto ha un motivo. "La fotografia che mi hanno presentato era in formato verticale e il murale è orizzontale, quindi ho dovuto fare piccole distorsioni per quadrarlo. Javier (Scotto) ha insistito sul fatto che la parte finale del Montgó è apparsa, il che è impossibile con questo panoramico, penso che avrò preso il Montgó almeno un chilometro ma, beh, lo abbiamo inserito. Poi, la foto è stata anche da una certa distanza, quindi ho fatto un po 'di inventiva. Ci saranno dettagli delle persone che hanno vissuto quella volta che non sarà più così perché è stato impossibile per me farle. Mi scuso con le persone che non si sentono identificate al 100%, ma quello di cui si trattava era fare un panorama che rappresentasse il tempo in cui il murale è sviluppato ".

E, naturalmente, riesce a catturarlo come pochi in questo enorme murale che diventa la sua seconda opera più grande in termini di quantità di piastrelle, dietro un ordine dell'hotel Bali a Benidorm, quindi l'artista dice che ha assunto una sfida

José Manuel Tos afferma che ora apprezzerà le piccole cose, i lavori nei singoli bulldog che vende nel mercato di Jesús Pobre. "Non so se questo sarà quello che mi ritirerà dai murales"dice Tos. Spero di no.

Lascia un commento

    35.289
    4.087
    8.487
    1.930
    Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.