Dénia.com
Cerca

Compromís propone che Denia aderisca all'Agenzia valenciana per la protezione del territorio

02 June 2021 - 15: 11

compromis propone al Consiglio comunale di Denia di aderire, come hanno già fatto alcune città come Alacant, all'Agenzia del territorio valenciano, un organismo autonomo della Generalitat dipendente dal Dipartimento della politica territoriale, dei lavori pubblici e della mobilità che assume i poteri di la Generalitat in materia di ripristino della legalità urbanistica dei Terreni Non Urbanizzabili (SNU) e che può assumere quelli che hanno i Comuni in caso di trasferimento.

La mozione sollecita che tali poteri siano delegati in materia di tutela della legalità urbana, sanzionatoria e ripristino della legalità urbana, rispetto alle infrazioni urbanistiche gravi o gravissime su terreni non edificati, comuni o protetti del comune, nonché di partecipare alle decisioni di il predetto organismo tramite gli uffici di rappresentanza

I Consigli comunali aderenti possono far parte del Consiglio Direttivo dell'AVPT e possono altresì attribuire poteri in materia di violazioni precontrattuali e nei confronti di coloro che non abbiano avviato un procedimento per il ripristino della legalità.

Come spiega lui Rafa Carrió, portavoce del gruppo comunale, “dal Segretariato Autonomo per le Politiche Territoriali, tenuto da Compromís, è stato lanciato l'AVPT per consolidare l'impegno per un uso razionale e legale del territorio, libero da ipoteche imposte da interessi privati, nonché per tagliare le infrazioni e fermarle prima che siano in uno stato più avanzato”. Inoltre, ha difeso che "liberarsi dalla disciplina urbana in SNU sarebbe un discarico per il consiglio comunale di Denia, che potrà dedicare più risorse ad altri compiti urbani, come l'accelerazione delle licenze e delle procedure".

Tale mozione sarà presentata alla locale Commissione del Territorio per la discussione e l'approvazione e, affinché l'adesione sia effettiva, sarà necessario adottare un accordo in plenaria.

1 Comentario
  1. carola ha detto:

    Quello che mancava a Denia, per lasciarlo senza protezione ..., senza alberi, senza verde ... quanti edifici completamente vuoti sul Montgo ... nelle Rotas, nelle marine, ecc. e ora costruendo non case, ma edifici che coprono anche il monte Montgo, l'aria di mare, tutto per diventare PANE PER OGGI, FAME PER DOMANI.
    Oppure impedisci a questi soggetti grotteschi di ferire anche più di quanto abbiano già fatto le società immobiliari, ecc. senza nemmeno essere stato cacciato dal paese per aver osato, come Conceta e altri ... tedeschi, responsabili dei danni illimitati a Denia, o qui arriverà solo il turismo dal terzo mondo ... questo è ciò che si guadagnerà con la gente indesiderabile come questo... che amano tutti A costo e costi, egoisti e indisciplinati e disobbedienti, saltando ogni limite a costo di caricarsi le tasche.

    Non una casa in più... e tanto meno vuota.
    Le case sono state fatte per abitarle.
    Studia l'uscita e l'ingresso di quei luoghi, marciapiedi, piste ciclabili, alberi grandi e abbondanti
    Non un albero di meno
    Dove puoi camminare per Denia all'ombra senza perderla per un momento per ore o chilometri?
    Basta con gli abusi edilizi.
    Vogliamo SPAZI VERDI

    SVEGLIA che è già bello vivere di costruzioni e persone che vengono dall'estero.
    Il lavoro deve essere dei residenti e non solo per il turismo.
    A Denia puoi vivere tutto l'anno.
    Ma cioè se non superiamo mai la popolazione che già siamo o perderà il suo valore e qui non varrà più la pena vivere, solo e se capita di passare qualche giorno... triste la verità... molto triste ...devi saperti valorizzare

    saluti


37.861
4.442
12.913
2.400