Dénia.com
Cerca

Il castello di Denia: visite, storia e foto

Gennaio 11 da 2020 - 13: 52

Il Castello di Denia, con più di mille anni di storia, riunisce nello stesso recinto le tracce delle diverse culture che sono passate per questa città. se ti chiedi cosa vedere a Denia, Questa è una visita inevitabile per conoscerla. Inoltre, dall'alto si possono contemplare splendidi panorami. Salita al castello di Denia È un'attività semplice, economica e molto interessante per le famiglie.

Come arrivare

Il castello si trova nel cuore della città, su un tumulo alto 60 metri. Vi si accede da Strada di San Francisco, nel quartiere di Les Roques. Troverai una porta sotto forma di testata tumidata, Caratteristica islamica, che dà accesso a una strada panoramica, alla fine della quale si trova la biglietteria. Ecco una mappa per un facile accesso.

Per salire al castello di Denia bisogna andare a piedi, perché per alcuni anni, per preservarne lo stato, è vietato l'ingresso di auto private.

Visite

Di seguito una serie di informazioni utili per organizzare la tua visita a questo monumento.

Ore e contatti

Il Castello di Denia apre le sue porte a orari variabili durante tutto l'anno, a seconda delle ore di sole:

  • Tra i mesi di novembre e marzo, dalle 10:00 alle 18:00
  • Aprile e maggio dalle 10:00 alle 19:00 e in giugno fino alle 19:30
  • Giugno dalle 10:00 alle 19:30
  • Luglio e agosto dalle 10:00 alle 20:30
  • Settembre dalle 10:00 alle 20:00
  • Ottobre dalle 10:00 alle 19:30

In estate, senza una data precisa, c'è un periodo in cui è possibile visitare il castello fino alle 00:30 di notte, nel cosiddetto Visita al Castello di notte.

Il numero di telefono delle informazioni è 966420260.

Cos guardia il Castello di Denia

Biglietti e prezzi

I residenti di Denia e quelli nati in città possono accedere gratuitamente, mostrando il loro documento d'identità con il loro indirizzo o luogo di nascita. Turisti e visitatori devono pagare un biglietto d'ingresso di 3 euro. I bambini sotto gli 8 anni entrano gratis, e ragazzi e ragazze tra gli 8 ei 16 anni pagano 1 euro. La tariffa per pensionati, pensionati e studenti è di 2 euro, come per i gruppi di oltre 25 persone.

Guide e visite guidate

Se desideri informazioni sulle visite al castello di Denia, puoi contattare sui telefoni 966420260 y 966420656. Generalmente sono organizzati in estate e non hanno un orario fisso. Ti informeranno al botteghino del Castello e potrai anche controllare il sito dénia Consiglio comunale.

Altre risorse disponibili sono le guide che potrete trovare al botteghino, per conoscere a fondo la storia e l'architettura del castello.

Storia

Questa fortificazione, di origine musulmana andalusa, risale al X e XI secolo. Ma resti molto precedenti sono stati trovati sul pendio del castello, dal Dianium Romano.

Era musulmana

Il castello era la cittadella o residenza del governatore di Daniya. Nell'XI secolo raggiunse la sua struttura con il doppio recinto della cittadella e dell'albacar (recinto murato utilizzato come rifugio per gli abitanti di un centro abitato), e con rilevanti architetture fortificate.

Durante la seconda metà del XII secolo, furono eseguiti importanti lavori di rinforzo, come si può vedere dagli studi di architettura.

Nella cittadella troviamo il Torre mig (Torre del Medio), il più significativo degli ingressi al recinto. Risalente all'XI secolo, il Torre mig Ha una notevole qualità architettonica con doppi archi a ferro di cavallo e alfiz. Anche nella cittadella è il Portal de la Vila, l'ingresso più importante, formato da archi a sesto acuto e chiave sdoppiata.

La riconquista

Dopo la conquista di Denia da parte di Jaume I nel 1244, gli spazi del recinto cambiano la loro destinazione: ospitano il Palau, la Castell e Vila. Nel 1308 si stabilì nell'albacar, il recinto inferiore, la Vila de Dénia, mentre la cittadella, con il Palau Vecchio, diventa la cittadella. In questa zona, intorno all'anno 1600, fu integrato il palazzo rinascimentale costruito da Francisco Gómez Sandoval y Rojas, Duque de Lerma e Marqués de Dénia: questo è quello che un tempo era il Palau del Governatore e oggi è la sede del Museo Archeologico della città.

Castello di Denia - La Vila

A partire dal XVI secolo, le continue vessazioni dei pirati berberi costrinsero a migliorare la fortificazione del recinto del Vila e Castell con la costruzione di bastioni (per resistere agli attacchi nemici), lasciando un'importante impronta dell'architettura militare rinascimentale.

Dénia Castle - merli del Rinascimento

Era moderna

Nei secoli successivi, le guerre lasciano il segno sul castello di Denia: la Guerra di Successione devasta il Vila e buona parte della fortezza, e l'assalto durante l'invasione francese (1812) danneggiò il fronte meridionale dei due recinti.

Con l'arrivo dell'Ottocento il castello passò in mani private, divenendo una tenuta agricola orientata alla coltivazione della vite e alla produzione del Pansa (l'uva passa). Durante questo periodo furono abilitati i terrazzamenti per l'agricoltura e furono creati muri di sostegno.

Dal XX secolo ad oggi

Nei primi decenni del XX secolo il versante nord del castello è stato utilizzato come cava per l'estrazione della pietra. Nel 1947, dopo un complesso processo di esproprio, il castello divenne proprietà comunale. Da quel momento vengono promosse diverse azioni di rimodellamento, come la piantumazione di alberi in tutti i locali, l'allestimento di accessi o il restauro di locali come il Torre del Consell o Portal de la Vila. Negli anni '60 e '70, con il boom turismo, viene costruita una strada di accesso alla parte alta, abbattendo una parte significativa delle mura e distruggendo resti archeologici del Villa Vella.

La costruzione di Palau del Governatore E 'stato restaurato all'inizio degli anni '80, periodo in cui il Torre Galliner e Torre rossa. Anche in questi anni vennero consolidate varie costruzioni bastionate e tele murarie.

Dénia Castle - Esplanada del Governador

Già nel XXI secolo l'amministrazione abilitava nuovi spazi nel complesso monumentale, come La Sala, orientato alla presentazione di convegni, o il Centro Visitatori, adiacente alla spianata del Palau. Il recupero della scala del Palau significa recuperare l'esperienza di accedere alle sale del palazzo. Nel 2020 sono stati riabilitati il ​​Verger Alt e il bastione orientale del castello, architetture militari rinascimentali della metà del XVI secolo, che per molti anni sono state chiuse per non aver rispettato le condizioni di sicurezza adeguate per le visite del pubblico. Ora il Verger Alt è un nuovo spazio espositivo, che corrisponde al vecchio accesso alla cittadella.

Il Museo Archeologico

Si trova nella parte alta del castello e dispone di quattro stanze corrispondenti all'epoca iberica, romana, musulmana e cristiana. L'accesso è gratuito, perché compreso nel biglietto. Importante per i visitatori: il Museo Archeologico non dispone di rampa di accesso.

Il tunnel del castello

Il tunnel del castello di Denia collega la Plaza del Consell con Ronda de las Murallas. Dalla sua riabilitazione nel 2011, il mantenimento e l'aspetto di questo passaggio sono notevolmente migliorati.

La creazione del tunnel del castello di Denia risale agli anni della guerra civile in Spagna, come rifugio antiaereo. Fu creato tra il 1937 e il 1938 per proteggere la popolazione civile dai bombardamenti dell'aviazione La Pava. Terminata la guerra, rimase aperta, collegando così due parti della città.

Attività ed eventi

Concerti

Ogni estate, la Explanada del Governador del Castillo de Dénia, nella parte superiore del recinto, ospita due settimane di concerti di musica tradizionale e popolare nel ciclo di concerti Musica Castell. L'ingresso a questi concerti è gratuito ed è uno degli eventi più importanti dell'agenda culturale estiva nella città di Denia.

Matrimonio in Castello di Denia

Le coppie che lo desiderano possono sposarsi al Castello di Denia pagando la quota corrispondente e sapendo che non è possibile accedere alla cima in macchina, né si possono servire banchetti negli edifici del complesso monumentale. Gli sposi si occupano di tutto, sia dell'impianto di diffusione sonora che dei fiori e tutto il necessario, perché nel castello non ci sono infrastrutture speciali. I permessi per celebrare un matrimonio nel castello sono gestiti dal dipartimento del protocollo del consiglio comunale di Denia.

Galleria Fotografica

6 Commenti
  1. Philip ha detto:

    Ik vind het zeer terecht dat de gebruikte taal de lokale volkstaal is. De eis om Spaans te gebruiken, di taal van Castillië, getuigt van een immense pretentie, met name de veronderstelling dat sprekers van Castilliaans enkel deze variant moeten kunnen.
    Forza, Valentianen!

  2. bianco ha detto:

    Abbiamo visitato il castello di Debía, ci è piaciuta molto una visita molto interessante, e la nostra guida José Miguel ci ha influenzato molto, ci ha ricordato i tre periodi attraverso i quali questo castello è passato. Fantastico José Miguel!

  3. Nuria ha detto:

    Non capisco perché in un monumento come il castello di Denia e il cui cartello d'ingresso parla dell'importanza del turismo mette tutti o almeno la maggior parte dei pannelli esplicativi non nella lingua ufficiale in cui si trova ma solo nel co-ufficiale che ci priva i turisti dal resto della Spagna hanno ragione. Per ulteriori chiarimenti parte del denaro per la riabilitazione proviene dal Ministero dello Sviluppo, ministero il cui denaro proviene da tutti gli spagnoli la cui lingua ufficiale secondo la Costituzione è lo spagnolo. Penso che dovresti cambiare i poster coesistendo entrambe le lingue


37.861
4.449
12.913
2.480