Dénia.com
Cerca

Analisi 10N: la sinistra rimane solida contro l'ascesa di PP e VOX

Novembre 11 da 2019 - 09: 59

Ieri siamo stati richiamati ai seggi elettorali per votare. Ed è la terza volta che siamo stati quest'anno. Tuttavia, il panorama politico è vacillato in questi pochi mesi, quindi a priori questo si rifletterebbe nell'intenzione di votare a livello locale. E a Denia lo ha fatto, con grandi cambiamenti rispetto alle precedenti elezioni, ma anche con risultati di gruppi quasi risalenti all'ultima edizione.

La scarsa partecipazione è stata una delle principali paure di molte parti, in particolare quelle di sinistra alle quali tradizionalmente accade il più assente. Le previsioni sono state soddisfatte sebbene a livello comunale non abbia comportato una grande perdita di voti. La partecipazione di 10N a Denia è stata del 67'02% del censimento, punti 6 inferiori ad aprile. Questo equivale a voti 18.236.

A Denia, il PSOE con un risultato quasi identico a quello di aprile: il 31% dei voti nella 66N, equivalente a 10 voti depositati nelle urne, rispetto al 5731% di aprile, che provengono da 31 elettori. Quelli locali hanno già favorito la formazione, facendo funzionare il Consiglio Comunale esclusivamente dai consiglieri Grimalt PSPV con la maggioranza assoluta di coloro che sono quasi scomparsi. È chiaro che l'elettore socialista ha lealtà nel comune, trasformandolo in un feudo in cui il partito Puig ha una grande accettazione.

I popolari rientrano nel gioco come seconda forza, recuperando i voti 600 che avevano smesso di ricevere le ultime elezioni. Dobbiamo ricordare che nell'28A il partito Casado era a Dénia come quarta forza, dietro a PSOE, Citizens e United We Can. Ora ottiene quel 20'24% dei voti che lo rendono la seconda forza di Denia. Mentre è vero che rimane a una distanza importante dal PSOE, con più di 2000 voti di differenza, il suo buon risultato è innegabile, con un dato 5 sopra aprile.

Forte in generale, debole in locale

Come per il PSOE, Podemos-EUPV rimane stabile con un risultato quasi identico dalle precedenti elezioni. Raggiunge un 15'1% dei voti, essendo in aprile 15'75%, che riconvalida il suo terzo posto. D'altra parte, VOX, come è successo con i popolari, beneficia di questa ripetizione elettorale, prendendo punti 5 più che ad aprile. Ecco perché il partito di estrema destra passa dalla quinta forza più votata alla quarta con un supporto 14'06% (2545).

È interessante notare che queste ultime due formazioni, avendo ottenuto risultati molto significativi, non hanno rappresentanza nel Consiglio comunale di Dianense, quindi i dirigenti municipali dovrebbero ripensare l'approccio del partito per le future elezioni nella città.

Fuga dai voti dei cittadini anche a Denia

Il caso dei cittadini non è sorprendente, poiché è stato ripetuto in tutto lo Stato: è il partito che perde di più. E non quello, ma a Denia direttamente è l'unica parte che ha perso voti. Gli 2000 votano meno di quanto abbiano ottenuto rispetto ad aprile confermano la loro debacle portandoli da una seconda posizione invidiabile alla quinta, con una percentuale di voti inferiore rispetto alla quinta forza di aprile. Indubbiamente, un disastro per l'addestramento che sembrava radicato tra le forze principali.

La cravatta di Rivera quasi con Més compromis (7% dei voti), che, proprio come accaduto con l'altra sinistra, ottiene un risultato a Denia quasi identico a quello di aprile, con solo 58 voti in meno rispetto al 14A. È chiaro che Comprom cresce quando le elezioni devono governare nei comuni o nell'autonomia, ma nelle elezioni generali si sgonfia, questa volta a malapena salvando il seggio di Baldoví dopo il suo patto sperimentale con un partito inesperto di Madrid come quello di Più Paese.

Lascia un commento

    35.580
    4.108
    9.086
    1.970
    Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.