Agustí S. Espí (Compromís): «La regione è più che sole e spiaggia. La regione è poble »

compromis Questa mattina ha celebrato il suo tradizionale atto di 9 d'Octubre in piazza Jaume I, a cui hanno partecipato cinquanta persone, nonché rappresentanti politici del comune e della regione.

«Siamo persone umili, ma coraggiose per difendere ciò che ci unisce», ha definito la consigliera Eva rotonda nel giorno di tutti e tutti i valenciani, in un atto che, oltre a celebrare la cultura e la storia del nostro territorio, è stato utilizzato per rivendicare tutte le esigenze per le quali la formazione pretende di combattere dalle istituzioni e dall'opposizione. «Hai i consiglieri 3 per qualsiasi cosa. Dobbiamo fare forza », ha chiesto il sindaco.

Forti critiche al conformismo del Comune con lo sfruttamento

L'atto è stato affiancato da Agustí S. Espí, un membro della formazione locale, che rappresenta le giovani voci del movimento valenziano. «Non ho vissuto il regime di Franco, ma so da dove veniamo e voglio essere parte attiva nel nostro futuro», ha affermato Espí in un discorso rivolto ai giovani, a cui ha chiesto maggiore mobilitazione e consapevolezza. «Grazie ai nostri genitori oggi possiamo ascoltare musica nella nostra lingua», ha commentato in riferimento all'esibizione prevista per questo pomeriggio de La Fúmiga.

Ha anche parlato delle controverse dichiarazioni del sindaco, Vicent Grimalt, in cui affermava di essere consapevole del fatto che c'erano posti di lavoro neri intorno all'ospitalità locale, ma non poteva farci nulla. Espí ha affermato di aver sofferto come studente e che si possono fare cose per cambiarlo. «Se si sa che viene sfruttato, è possibile realizzare campagne di sensibilizzazione in modo che gli sfruttatori possano perdere la faccia alla vergogna», ha sottolineato supponendo che «Non tutta l'ospitalità è così». «La regione è più che sole e spiaggia. La regione è poble ", ha detto Espí.

Primo atto come Més Compromís

La questione dello sfruttamento del lavoro non è stata l'unica critica che il governo locale ha preso. Anche Maria Jose Garcia, candidato al Congresso di Alicante, ha lanciato un dardo avvelenato al team Grimalt per l'atto istituzionale che hanno organizzato dopo averlo eliminato anni fa. «Non abbiamo mai usato questa giornata opportunisticamente», Garcia ha sottolineato prima di continuare a parlare della situazione politica dello stato, la cui mancanza di consenso per governare è stata cancellata «Ridicolo storico». Tuttavia, ha incoraggiato i presenti ad alzarsi e andare a votare a novembre. "Comboi; una cosa che i valenciani fanno molto bene, e ora è il momento di giocare comboiarse ».

Dopo i discorsi, l'atto si è chiuso, come ogni anno, con l'offerta di fiori alla statua di Jaume I al suono del muixeranga.

articoli correlati

Commenti su "Agustí S. Espí (Compromís):« La regione è più che sole e spiaggia. La regione è poble »"

(Obbligatorio)

33.565
3.877
6.396
1.600
Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.